Giardini verticali

Green Wall on Le Pont Juvénal, Août 2008 © Patrick Blanc

Il verde verticale è un nuovo concetto di paesaggio che ha preso ormai piede. Molto apprezzato non solo come soluzione estetica è anche da considerare perché offre numerosi vantaggi per l’edificio e per chi lo vive. Regolazione termica tramite la traspirazione delle piante, depurazione dell'aria attraverso l'assorbimento dell'anidride carbonica e la produzione di ossigeno, azione di filtraggio e depurazione degli inquinanti atmosferici, abbattimento acustico e riduzione del riverbero, ostacolo alla diffusione del fuoco. Senza contare che l’impatto estetico di un giardino verticale è sempre una nota che valorizza gli edifici e offre benefici psicologici.

Il sistema di irrigazione con una diffusione omogenea dell'acqua è totalmente automatizzato e nascosto alla vista. La frequenza della manutenzione è bassa, da eseguirsi mediamente da 1 a 4 volte l'anno a seconda delle specie scelte e del tipo di effetto desiderato.
Uno dei massimi esperti del settore nonché inventore dei muri vegetali è il botanico Patrick Blanc. Molte sono le sue opere di pareti verticali in varie parti del mondo: Madrid, Parigi, Dubai, Tokyo, Sydney, Berlino, Kuala Lumpur, San Francisco.
Uno dei nostri soci fondatori ha avuto l’onore e il privilegio di lavorare fianco a fianco con Patrick Blanc e curare personalmente alcune delle sue più note opere, in Italia e all’estero.

Il verde verticale esiste anche per gli interni, o per piccoli spazi come balconi, sui quali è possibile realizzare in poco spazio un orto verticale.

Facebook Twitter Google+ Pinterest